Cani che abbaiano troppo: è una questione di razza?

Scritto da: -

Per capire se e quali razze tendono ad abbaiare più di altre ecco il parere dell'esperto e i consigli per evitare di litigare per questo coi vicini

cane-che-abbaia-comunica.jpg Il problema dei cani che abbaiano è molto sentito, sia da parte dei proprietari sia degli inquilini che si trovano a vivere nelle vicinanze. Le discussioni e le liti per questo motivo, soprattutto all’interno dei condomini, sono all’ordine del giorno, perché se un cane è davvero un rompiscatole si tende a dare tutta la colpa al proprietario per non essere capace di farlo tacere. Ma siamo proprio sicuri che è sempre tutta colpa del padrone?

Per esperienza personale mi verrebbe da dire che alcune razze sono tendenzialmente più portate ad abbaiare di altre e che, in generale, quelle di taglia piccola sono più inclini ad abbaiare in risposta anche al minimo stimolo. A questo va aggiunto il fatto che anche il carattere di ciascun cane  può influire. Ciò non toglie che il padrone ha sempre e comunque il compito di evitare che il suo cane arrechi disturbo agli altri, ma se così fosse, sarebbe certamente un altro aspetto da tenere in considerazione quando si sceglie un cane. Per capire se questa mia constatazione empirica corrisponde al vero, ho chiesto un parere al dottor Flavio Morchi, Medico Veterinario Direttore della Comunicazione Scientifica di Royal Canin. Vediamo la sua risposta.

Dottor Morchi è corretto ritenere che alcune razze abbaino più di altre?
In effetti, alcune razze, MINI in particolare, sono più inclini di altre ai vocalizzi che si traducono nell’abbaiare ai propri simili e con i loro proprietari. Sono forme comportamentali naturali per sottolineare atteggiamenti di paura, di partecipazione al gioco o precise richieste. Un cane “poco coinvolto” dai proprietari mostra una maggior tendenza a sottolineare la sua presenza “facendosi sentire”. Sono caratteristiche le situazioni in cui si nota il cane legato fuori dal bar in attesa che chiama i suoi proprietari o ancora la richiesta di succulenti bocconcini di cibo durante il pranzo.

E quindi i proprietari di cani che appartengono a razze che utilizzano prevalentemente questa forma di comunicazione per esprimere stati d’animo e bisogni si devo rassegnare?
No, ovviamente. Ma chiarisce una volta di più quanto sia importante la responsabilità del proprietario nella scelta e nell’educazione del cane tenendo conto anche delle peculiarità di razza.

Chi sceglie un cane deve quindi sapere se appartiene a una razza che ha questa maggior inclinazione a comunicare abbaiando, non per escluderlo a priori, ma per poterlo educare sin da cucciolo a contenerla entro limiti tollerabili per sé e per i vicini. Un razza migliore di un altra in assoluto non esiste, si tratta sempre di scegliere quella che per le sue peculiarità si incastra meglio con le nostre caratteristiche ed esigenze.

Per aiutarvi, sul sito Royal Canin trovate l’enciclopedia delle razze in cui vengono illustrate oltre alle caratteristiche fisiche ed estetiche anche quelle  comportamentali per ciascuna razza che può essere quindi uno strumento utile per approfondire ulteriormente l’indole di ciascun cane. Fermo restando che, all’interno di queste caratteristiche generali ogni cane ha il suo carattere particolare e che, soprattutto, come dice il dottor Morchi, è fondamentale l’educazione e la relazione che il proprietario crea con il suo quattro zampe.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Gattivity.blogosfere.it fa parte del canale Blogo Lifestyle di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano